Elisabetta Feroldi

Il bon ton per scrivere una mail

mail
Spesso ci capita di scrivere una mail in maniera affrettata e di scoprire poi che la stessa è finita tra lo SPAM del destinatario. Quando ciò accade, il server Smtp che ha spedito il messaggio viene inserito in black-list,
 rendendo tutti i successivi messaggi identificabili come spam e rifiutati dai destinatari.

Forse non tutti sanno che bastano piccoli accorgimenti per migliorare il punteggio che viene assegnato a una mail. Eh sì, punteggio! Ogni volta che mandiamo delle mail le stesse vengono filtrate da sofisticati software antispam che analizzano il messaggio e gli danno un punteggio in base a delle regole ben precise. Più il punteggio è alto, più farà finire la nostra mail nello SPAM.

Vediamo dei piccolissimi accorgimenti che possiamo avere per evitare che accada:

Quando scriviamo l’oggetto della mail NON va MAI scritto in maiuscolo, il maiuscolo è una caratteristica dello spammatore e i filtri antispam lo classificano come tale.

Se non dobbiamo scriverlo in maiuscolo figuriamoci se possiamo omettere l’oggetto. Deve sempre esserci scritto qualcosa nell’oggetto ( a caratteri minuscoli).

Il corpo del messaggio deve SEMPRE contenere un minimo di testo soprattutto se inviamo un link o un allegato.

Se alleghiamo un file deve essere in un formato conosciuto e con una denominazione sensata.

Se alleghiamo un’immagine dobbiamo avere l’accortezza di inserire un’immagine di dimensioni non troppo grandi, i filtri antispam si insospettiscono quando il rapporto tra immagine e testo è troppo alto.

E’ sempre preferibile utilizzare un server SMTP autenticato quando inviamo una mail

Il servizio effettua il controllo antispam sui messaggi in uscita, PRIMA di spedirli:
il “postino elettronico” si accorge che nel messaggio c’è spazzatura e non lo spedisce. Vi invito a visitare il sito www.formail.it che offre il servizio SMTP autenticato.

Sembrano banalità ma a volte bastano pochi accorgimenti per mandare una buona mail.